James Gunn ha licenziato come regista di 'Guardiani della Galassia 3' per tweet controversi riaffiorati

James Gunn è stato licenziato come direttore di Guardiani della Galassia Vol. 3 dopo che molti dei suoi controversi tweet sulla pedofilia e lo stupro sono riemersi, i Walt Disney Studios hanno annunciato venerdì 20 luglio.

James Gunn ha licenziato i tweet su Twitter

James Gunn alla premiere europea di 'Guardians of the Galaxy Vol. 2' all'Eventim Apollo di Londra. Immagini INSTAR

Stelle che sono state licenziate dai lavori

Leggi l'articolo

Gli atteggiamenti e le dichiarazioni offensivi scoperti sul feed Twitter di James sono indifendibili e incoerenti con i valori del nostro studio e abbiamo interrotto il nostro rapporto d'affari con lui, ha dichiarato il presidente della Disney Alan Horn in una dichiarazione a Noi settimanali .



Gunn, 51 anni, ha scritto e diretto le prime due puntate del franchise di film Marvel Comics. Avrebbe dovuto iniziare le riprese dell'ultimo film della trilogia ad Atlanta questo autunno. Era previsto per il 2020.

Le celebrità reagiscono sui social media

Leggi l'articolo

Personalità conservatrice Jack Posobiec è stata una delle prime persone a ricondividere i tweet del regista, originariamente pubblicati nel 2008 e nel 2009.

Gunn ha affrontato i suoi vecchi post via Twitter giovedì 19 luglio. Molte persone che hanno seguito la mia carriera sanno quando ho iniziato, mi consideravo un provocatore, giravo film e raccontavo barzellette oltraggiose e tabù, ha scritto. Come ho discusso pubblicamente molte volte, come mi sono sviluppato come persona, così ha fatto il mio lavoro e il mio umorismo.

Film ricchi di azione in uscita nei cinema quest'estate

Leggi l'articolo

Il regista ha continuato: Non è per dire che sto meglio, ma sono molto, molto diverso da come ero qualche anno fa; oggi cerco di radicare il mio lavoro nell'amore e nella connessione e meno nella rabbia. I miei giorni dicendo qualcosa solo perché è scioccante e cercando di ottenere una reazione sono finiti. In passato, mi sono scusato per il mio umorismo che ha ferito le persone. Mi sono sentito veramente dispiaciuto e intendevo ogni parola delle mie scuse. ... Non incolpo il mio sé passato per questo, ma mi piaccio di più e mi sento un essere umano e un creatore più completo oggi.

Top