Città natale della TV immaginaria

1415212105_tv-città-zoom

Getty Images; Ron Tom/famiglia ABC tramite Getty Images; Warner Bros/cortesia Everett Collection; ABC/RON TOM

venti KN95_011222_600x338

Se solo esistessero davvero! A volte l'ambientazione di uno show televisivo diventa solo un altro personaggio nel grande schema della storia.

In effetti, le città natale immaginarie spesso si sentono come una piccola fetta di casa per i fan, il che rende tutto più dolce quando arrivano a rivederli nelle future iterazioni della serie. Come era il caso con Gilmore Girls , che è tornato a Stars Hollow nel 2016 per il revival di Netflix in quattro parti , Una mamma per amica: un anno nella vita .



È stato un tale vortice, dal momento in cui siamo entrati per lanciarlo, perché avevamo un orologio che ticchetta, creatore Amy Sherman-Palladino detto Voga nel dicembre 2016. Se avessimo intenzione di [farlo], dovevamo farlo in un certo lasso di tempo perché era l'unica volta in cui il backlot [Warner Bros.] era disponibile per noi, ovvero Stars Hollow. Quindi non c'era tempo per essere lenti. Era più come, 'Se vogliamo farlo, dobbiamo farlo ora! Inizia a fare costumi; Non mi interessa che aspetto hanno!' E poi le riprese sono state così intense, e poi le abbiamo messe insieme e ci siamo sentiti come se avessimo convissuto con queste cose di cui non potevamo davvero parlare. È un vero sollievo ora che è là fuori e che le persone li vedono, e che esistono davvero e non sono solo due pazzi che vanno in giro dicendo: 'No, l'abbiamo fatto davvero'. È stato un vero spasso.

Come produttore esecutivo Daniele Palladino espresso a Collisore a novembre 2016, tutti saranno molto felici del mondo. Sono i Gilmore. È Stars Hollow in tutto il suo splendore. È una tela grande e ampia.

Tuttavia, alcune città natale della TV non danno agli spettatori la stessa sensazione calda e sfocata. Riverdale, per esempio, suscita paura non solo nei suoi fan ma anche nei suoi residenti, grazie in gran parte all'alto tasso di omicidi della città e al fattore di scorrimento illimitato.

Potrebbe non sembrare, ma amo sinceramente questi personaggi e amo questo quartetto. Voglio che stiano bene, creatore Roberto Aguirre Sacasa detto Noi settimanali nel luglio 2019. Mi sembra di averli messi alla prova, e lo faccio, ma c'è una parte di me che pensa sempre che sopravviveranno, staranno bene, vinceranno.

Scorri verso il basso per dare un'occhiata ad alcune città natale immaginarie preferite dai fan dal piccolo schermo, tra cui Dawson Creek è Capeside, Gilmore Girls ' Stars Hollow e altro!

Top