Barack Obama ricorda l'amicizia con John McCain nell'elogio funebre: 'Eravamo nella stessa squadra'

Ex presidenti Barack Obama e George W. Bush ha reso omaggio al defunto senatore John McCain in elogi pronunciati al suo funerale presso la Washington National Cathedral a Washington, DC, sabato 1 settembre.

Barack Obama, George W. Bush, Jay Leno e altri partecipano al funerale di John McCain a Washington

Leggi l'articolo

Obama ha ricordato la sua amicizia con McCain, quella che avevano a porte chiuse. Non lo pubblicizzavamo, ma ogni tanto nel corso della mia presidenza John veniva alla Casa Bianca e ci sedevamo e parlavamo nello Studio Ovale solo noi due. Parleremmo di politica e parleremmo di famiglia e parleremmo dello stato della nostra politica, ha spiegato. E i nostri disaccordi non sono scomparsi durante queste conversazioni private. Quelli erano reali e spesso erano profondi, ma ci siamo goduti il ​​tempo che abbiamo condiviso lontano dalle luci brillanti. E abbiamo riso l'uno con l'altro e abbiamo imparato l'uno dall'altro, e non abbiamo mai dubitato della sincerità dell'altro o del patriottismo dell'altro. O che alla fine eravamo nella stessa squadra.

Il politico 57enne ha ricordato di aver reagito con tristezza e una certa sorpresa quando McCain gli ha chiesto di parlare al suo funerale, anche se ha definito l'invito un onore prezioso e singolare. Ha anche scherzato, Dopotutto, quale modo migliore per farsi un'ultima risata che fare George e me dire cose carine su di lui ad un pubblico nazionale?



Morti di celebrità nel 2018: le stelle che abbiamo perso

Leggi l'articolo

Il 44° presidente notò: E, in effetti, in superficie, io e John non avremmo potuto essere più diversi... Ma nonostante tutte le nostre differenze, per tutte le volte in cui abbiamo combattuto, non ho mai cercato di nascondere, e penso che John sia arrivato a capire, la lunga storia ammirazione che avevo per lui.

Obama sembrava anche fare un jab allo stato attuale della politica quando ha sollevato le principali somiglianze sue e di McCain. John capì, come capì JFK, come Ronald Reagan capito, quella parte di ciò che rende grande il nostro paese è che la nostra appartenenza non si basa sulla nostra linea di sangue, non su come sembriamo, quali sono i nostri cognomi, ha detto. Non si basa sulla provenienza dei nostri genitori o nonni o su quanto recentemente sono arrivati, ma sull'adesione a un credo comune: che tutti noi siamo creati uguali, dotati dal nostro creatore di determinati diritti inalienabili.

Meghan McCain piange per lo scrigno di padre John McCain al Memorial Service

Leggi l'articolo

Mentre l'ex senatore dell'Illinois ha ricordato di essere stato grato ma non sorpreso quando McCain ha difeso la sua eredità durante la campagna presidenziale del 2008, credeva che si trattasse di qualcosa di più di lui. Sono certo che in quei momenti a cui è stato fatto riferimento durante la campagna, si è visto come se stesse difendendo il carattere dell'America, non solo il mio, ha detto alla folla. Poiché considerava imperativo di ogni cittadino che ama questo paese trattare tutte le persone in modo equo.

George W. Bush, il senatore statunitense John McCain, Memorial, funerale

L'ex presidente degli Stati Uniti George W. Bush parla durante un servizio funebre per il senatore statunitense John McCain presso la Cattedrale Nazionale di Washington a Washington, DC, il 1 settembre 2018. SAUL LOEB/AFP/Getty Images

Bush, nel frattempo, ha ammesso che mentre condivideva una festa con McCain, i due non si vedevano sempre negli occhi. Per me e John c'è stato un viaggio personale. La nostra storia politica combattuta duramente, ha detto. In passato, poteva frustrarmi e so che direbbe la stessa cosa di me. Ma mi ha anche reso migliore.

Il 72enne ex comandante in capo ha fatto eco alle dichiarazioni di Obama sulla posizione del veterano di guerra sui diritti umani: ha rispettato la dignità insita in ogni vita. Una dignità che non si ferma alle frontiere e non può essere cancellata dai dittatori. Forse soprattutto Giovanni detestava l'abuso di potere. Non poteva sopportare bigotti e despoti spavaldi.

McCain morì all'età di 81 anni il 25 agosto dopo aver combattuto contro un cancro al cervello. Una sepoltura privata avrà luogo domenica 2 settembre, dopo un servizio presso l'Accademia navale degli Stati Uniti ad Annapolis, nel Maryland.

Top